Incontri extraconiugali durante la quarantena: gli effetti del Covid sulle coppie

La quarantena imposta dall’emergenza dovuta alla diffusione del Covid-19 ha messo in crisi diversi equilibri domestici. La convivenza forzata, anche se fra partner stabili, ha provocato situazioni decisamente complesse. A soffrire non sono state solo le coppie con già dei problemi conclamati o latenti, ma anche chi si è trovato ad affrontare degli eventi poco gestibili in autonomia.

L’implosione domestica delle coppie è stato un dato di fatto, che si è poi tramutato in esplosione terminato il lockdown con una conseguente formale richiesta di separazione o divorzio.

Coppie e Covid, crisi e difficoltà per i partner

Ma cosa è successo realmente alle coppie durante la quarantena?

In realtà, gli scenari sono stati i più disparati. Gli obblighi e le forzature del caso hanno messo in crisi chiunque, con in aggiunta i vari problemi legati alla gestione dei figli, della didattica a distanza, dello smart working e, in molte situazioni, si è dovuto anche far fronte a problemi economici notevoli.

Le coppie più rodate e senza problemi hanno vissuto solo delle crisi passeggere, ma chi aveva in corso delle situazioni latenti o chi già in passato aveva tradito il partner, con l’avvento del lockdown ha subito il punto di rottura definitivo (o quasi).

In tal senso, le coppie più fragili sono state messe dinanzi all’evidenza di un problema reale e concreto, non più trascurabile.

Se vogliamo ampliare il discorso, anche le coppie di amanti sono state divise durante la quarantena, impossibilitate a vedersi come al solito e dunque soggette a difficoltà. Ma qui siamo dinanzi ad una dinamica diversa.

Di certo fa riflettere il dato comunicato da un’indagine del sito di incontri extraconiugali Tradimenti Italiani.com che circa 1 italiano su 3 abbiamo violato il lockdown per un incontro extraconiugale.

Siti per tradimenti, mai così tanti iscritti

Le varie crisi di coppia hanno trovato nei siti di incontro online degli alleati invincibili. La possibilità di evadere dalla quarantena domestica e di conoscere nuove persone interessanti, di chattare e di creare un feeling emozionale, ha spinto tantissime persone ad iscriversi ai portali di dating online.

Secondo Tradimentiitaliani.com, nel periodo della quarantena si sono avute in media circa 350 iscrizioni giornaliere, un dato di crescita esponenziale rispetto allo stesso periodo del 2019.

Ma c’è di più. Con l’approssimarsi del 4 maggio e dunque del primo via libera post lockdown, gli iscritti giornalieri sono addirittura triplicati.

C’è la voglia di evasione, a più livelli, ma anche quella di trovare nuovi lidi amorosi o fisici verso i quali rivolgersi una volta terminata ovunque l’emergenza Coronavirus. E i siti di incontri per adulti sono risultati la soluzione perfetta in tal senso, perché semplici da usare in qualunque momento e su qualunque dispositivo tecnologico: basta una connessione internet, in pratica.

Prove di tradimento al tempo del Covid

Nell’attesa di potersi incontrare con il nuovo amante trovato sul web, gli italiani hanno dovuto trovare modi creativi per ritagliarsi un proprio spazio per tradire online il proprio partner.

Magari chi già in passato aveva avuto l’opportunità di un incontro extraconiugale è stato maggiormente facilitato nel trovare uno o più escamotage validi, ma di certo l’esigenza ha aguzzato l’ingegno anche dei novelli Casanova.

Il momento preferito per dedicarsi ad una appassionata chat online con l’amante è stato quello dello smart working per gli uomini, mentre le donne hanno preferito avere il partner fuori casa per aprire le danze.

C’è chi ha sfruttato i momenti notturni, allorché il partner è a letto a dormire, e chi si è chiuso in bagno per chattare indisturbato. Di fatto, le soluzioni non sono mai mancate per coltivare una relazione a distanza ed hanno coinvolto indistintamente uomini e donne.

Chiaramente, non sono mancate le persone che, prese dallo slancio della passione, hanno violato la quarantena per una scappatella.

Cosa succede dal 3 giugno

A partire dal 3 giugno, per quasi tutte le Regioni italiane sono entrate in vigore nuove regole. Si ritorna alla normalità o quasi e si può viaggiare fra Regioni diverse, senza dover presentare una dettagliata autocertificazione.

Chi in questi mesi ha coltivato una relazione clandestina online, magari con una persona che risiede in una città o Regione lontana e/o diversa dalla propria, potrà finalmente incontrarsi dal vivo.

Di fatto, il tradimento da virtuale diventa reale e concreto. E, una volta entrati nel meccanismo dei siti di incontro, trovare sempre nuove amicizie e diventare traditori seriali è praticamente il passo successivo.

Certo, ci si può imbattere anche nell’amore della propria vita chattando online, ma quella è un’altra storia.