Coppie, boom di “corona cuffing”: Così il covid accelera la convivenza

Dal breadcrumbing al kittenfishing, nel mondo degli appuntamenti e delle relazioni fioriscono costantemente neologismi per descrivere le nuove tendenze.

Coppie, boom di “corona cuffing”: Così il covid accelera la convivenza

Dal breadcrumbing al kittenfishing, nel mondo degli appuntamenti e delle relazioni fioriscono costantemente neologismi per descrivere le nuove tendenze. Anche la situazione di emergenza sanitaria e di distanziamento sociale hanno dato vita a nuovi trend e comportamenti nel mondo del dating. Per comprenderli al meglio, gli esperti per l’apprendimento delle lingue di Babbel, l’app che porta le tue abilità linguistiche ad un livello superior, hanno identificato i termini cruciali dell’amore ai tempi del coronavirus.

Coppie, boom di “corona cuffing”: Così il covid accelera la convivenza

Dal breadcrumbing al kittenfishing, nel mondo degli appuntamenti e delle relazioni fioriscono costantemente neologismi per descrivere le nuove tendenze. Anche la situazione di emergenza sanitaria e di distanziamento sociale hanno dato vita a nuovi trend e comportamenti nel mondo del dating. Per comprenderli al meglio, gli esperti per l’apprendimento delle lingue di Babbel, l’app che porta le tue abilità linguistiche ad un livello superior, hanno identificato i termini cruciali dell’amore ai tempi del coronavirus.

L’amore ai tempi del Covid-19, i nuovi trend del mondo del dating

Per non passare la quarantena da soli, molte coppie anche alla fase iniziale della relazione hanno deciso di andare a convivere per la durata del lockdown, comportamento definito corona cuffing. Cuffing, che significa ammanettare, si usava già in espressioni come winter cuffing, i mesi invernali durante i quali chi il resto dell’anno cambia spesso partner si impegna in una relazione monogama. L’idea di passare la quarantena in coppia è diventata anche una frase per rimorchiare: sulle app di incontri ormai è pieno di “Will you be my quarantine?”, sulla falsariga di “Will you be my Valentine?” (“vuoi essere il mio Valentino?”) e quarantine & chill, la nuova versione di Netflix & chill.

La vita sentimentale dei single è ormai confinata al mondo virtuale e le dating app si sono mosse di conseguenza. Once, l’app pioniera dello slow dating movement, per esempio, ha introdotto la funzione live-video che rende possibile gli appuntamenti virtuali, o vates – neologismo nato dalla fusione di virtual e date. Altre relazioni invece rischiano di rimanere solo un’amicizia epistolare digitale, una textlationship, dall’unione di text (messaggio) e relationship (relazione). Lo scambio incessante di messaggi non porta sempre ad approfondire davvero la conoscenza dell’altro, in questo caso si parla di Chat bombing. Si è però assistito anche alla tendenza opposta, lo slow dating, dove grazie alle lunghe conversazioni che mirano a conoscersi meglio nascono relazioni importanti.

Il corteggiamento durante il coronavirus ricorda quello di secoli fa dell’amore cortese, in francese l’amour courtois, di cui parlavano anche Dante e Petrarca, in cui il contatto fisico era proibito e spesso si vedeva l’amata solo da lontano. Le relazioni infatti sono ormai delle distant relationship (da non confondere con la long distance relationship) in cui anche durante un appuntamento bisogna tenere un metro e mezzo di distanza. 

Durante l’emergenza, molto popolare è stata la funzione Passport di una delle app di incontri più note che permette di mettersi in contatto con persone di tutto il mondo. Grazie a Babbel è possibile imparare una lingua e conversare con il proprio match dall’altra parte del mondo. 

Quali erano invece le tendenze e i termini del dating da conoscere prima del coronavirus? 

Il noto ghosting, da ghost (fantasma), si riferisce a chi interrompe una relazione sparendo all’improvviso. Una sua variante, l’orbiting, consiste nel tagliare le comunicazioni, ma non del tutto, l’ex continua infatti ad “orbitare” con like e commenti sui social. Ci sono poi ghoster che si rifanno vivi, proprio come uno zombie che riappare dal mondo dei morti, da qui il termine zombing.  

Il termine breadcrumbing fa riferimento a chi flirta senza avere nessuna intenzione di iniziare una relazione, seminando briciole di pane (bread crumbs). I Brasiliani parlano di contatinho, “piccolo contatto”, ovvero la persona con cui si dialoga solo per noia. Invece procrastidating, da procrastinare e date, è per chi non si decide mai a fissare il primo appuntamento. Bisogna inoltre sperare di non incorrere in un kittenfishing, da kitten (micio), la versione ridotta del catfishing. Se quest’ultimo significa creare una falsa identità online da usare per le app di incontri, la tattica del kittenfishing consiste nell’usare foto drasticamente ritoccate.

Infine, frequentare una persona come ruota di scorta viene definito benching o cookie jarring. Il primo significa “tenere un giocatore in panchina”; il secondo invece deriva da cookie jar, barattolo di biscotti, e nasce dall’idea che si puo sempre attingere dal barattolo se non si ha uno snack migliore.