Riapertura negozi: come fare shopping in sicurezza

Due metri di distanziamento, prodotti in quarantena e una serie di misure di sicurezza e sanificazione: ecco come cambia lo shopping con la riapertura dei negozi del 18 Maggio

Fatte alcune considerazioni sull’impatto che ha e avr? il Covid-19 sull’industria moda, il 18 Maggio le serrande verranno tirate su?solo se?i negozi seguiranno alcune regole volte a tutelare il consumatore e chi lavora dietro la cassa. Acquisto e vendita ruotano attorno a due concetti assoluti: distanziamento e igiene/sanificazione.

Ingressi contingentati e shopping su appuntamento

Iniziamo da qualche numero: nei negozi con metrature inferiori a 40 metri quadrati entrer? solo un cliente alla volta, mentre la distanza tra persone aumenta a due metri. Ogni punto vendita, in base alla grandezza dei locali, quindi, dovr? calcolare un numero massimo di clienti per garantire la distanza di sicurezza interna. Al fine di scaglionare gli accessi sar? possibile prolungare l?orario dei negozi.

Per far questo il gruppo Index (che comprende Bershka, Massimo Dutti, Pull&Bear, Oysho e Zara) non ha solo aumentato il numero degli addetti alla sicurezza per controllare il flusso delle persone ma ha realizzato degli indicatori di distanza a terra nei luoghi ove solitamente si creano assembramenti, come area casse e salottini prova. Per quanto riguarda i camerini, l’utilizzo sar? alternato per garantire la minima distanza tra persone ed ? vietata la presenza dell’accompagnatore (bisogner? fare a meno dei preziosi consigli di mamma, amica o fidanzato). Il Gruppo Capri, a capo di Alcott e Gutteridge, in previsione della riapertura ha inoltre fornito gli operatori della tecnologia Termoscan, per un ulteriore controllo della temperatura all’ingresso.