Auto: scadenze da controllare e manutenzione dopo la quarantena

Le restrizioni seguite all?emergenza da Coronavirus hanno costretto la maggior parte degli automobilisti a lasciare il proprio veicolo nel box o parcheggiato in strada.

Con la fine della quarantena fissata per il prossimo 4 maggio, molti guidatori torneranno ad utilizzare l?auto, che dopo una sosta prolungata potrebbe richiedere qualche intervento di manutenzione, come ad esempio la sostituzione della batteria. Da non trascurare che nei due mesi di lockdown l?automobilista pu? aver dimenticato o ignorato qualche scadenza tecnica, come la revisione, la patente o l?assicurazione.

? allora utile sapere a cosa prestare attenzione, in modo da non avere problemi nel momento in cui si torner? in strada.

Manutenzione

Lo stop del veicolo per alcune settimane potrebbe influire sulla capacit? della batteria, che scende al di sotto di un livello critico e non ? pi? in grado di alimentare i componenti elettrici. L?alternativa alla sostituzione ? rimettere in moto la quattro ruote utilizzando i cavi, che devono essere collegati alla batteria di un’altra auto.

? importante anche verificare la pressione degli pneumatici, un elemento fondamentale dell?auto perch? garantisce il giusto grip in curva e la capacit? di accelerare e frenare in sicurezza, e controllare il livello dei liquidi, quali l?olio del motore e dei freni e il refrigerante del radiatore.

Non dimentichiamo anche di effettuare con pi? frequenza la pulizia degli interni. L?ISS, Istituto Superiore di Sanit?, consiglia di utilizzare un panno in microfibra e preparati a base di alcool per rimuovere dal cruscotto e parti in plastica le micro-gocce di saliva, il principale canale di diffusione del virus.

Documenti e scadenze: la patente

Nessuna preoccupazione per chi durante il periodo di quarantena non ha potuto rinnovare patente, visto che il decreto Cura Italia ne ha prorogato la validit? fino al 31 agosto.

? bene per? non dimenticare che la proroga ? valida solo per le patenti scadute dopo il 31 gennaio: chi ? in possesso di una patente scaduta prima di questa data, non potr? guidare il veicolo fino al momento del rinnovo.

Per quanto riguarda invece il foglio rosa, sar? valido fino al 30 giugno.

La revisione

Lo stesso provvedimento ha stabilito che i veicoli con revisione scaduta dopo il 17 marzo o in scadenza entro il 31 luglio, possono continuare a circolare fino al 31 ottobre.

In particolare, la norma proroga le revisioni di:

  • auto e moto che hanno effettuato l?ultimo controllo tra marzo e luglio del 2018 o immatricolati tra marzo e luglio del 2016;
  • mezzi da sottoporre a verifica per lavori che ne hanno modificato le caratteristiche tecniche;
  • veicoli riportati nel comma 4 dell?articolo 80 del Codice della Strada la cui ultima revisione ? stata eseguita tra marzo e luglio del 2019.

L?assicurazione

Le compagnie consentono all?assicurato un periodo di tolleranza, che a partire dalla data di scadenza dell?RC Auto rende la copertura attiva per ulteriori 15 giorni. Tuttavia, il decreto Cura Italia ha prolungato questo periodo di altri 15 giorni, ma solo per i contratti in scadenza entro il 31 luglio: questo significa che il guidatore continuer? ad essere coperto dalla polizza per i 30 giorni successivi alla scadenza.

A proposito di assicurazione, attraverso?Segugio.it?si pu? scegliere la?polizza pi? conveniente?per il proprio profilo di assicurato. In pi?, l?utente pu? personalizzare i preventivi ottenuti selezionando le garanzie accessorie in base alle proprie esigenze.

Il bollo auto

Il Governo ha stabilito il rinvio di molti pagamenti e tributi, ma non del?bollo auto. Trattandosi per? di una tassa regionale, la proroga ? stata fissata dalle singole Amministrazioni.