Coronavirus in Italia, Arcuri: “Non dobbiamo avere fretta di riaprire. Senza App la stretta non pu? allentarsi”. Brusaferro: “Non bisogna abbassare la guardia”

Il premier Conte prepara il piano per le riaperture del 4 maggio: “In questa fase non possiamo permetterci di agire affidandoci all’improvvisazione”. Poi chiarisce: “Nessuna limitazione a ch non scarica la App. Si aggrava il bilancio dei medici morti: sono 141

Cala per la prima volta in Italia il numero dei positivi al?coronavirus. Braccio di ferro sulle riaperture: il governo vuole un avvio differenziato, mentre i governatori del Nord premono per un’unica data. “Guai a dividersi”, avverte Speranza. Il trasporto pubblico ? uno dei nodi della Fase 2.


Si aggrava il bilancio dei medici morti

Purtroppo non si ferma la strage dei medici morti: il bilancio ? arrivato a 141. L’ultimo ad essere inserito nell’elenco ? Silvio Marsili, pediatra in pensione. Lo rende noto la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), che aggiorna costantemente la lista dei medici deceduti per l’epidemia includendo medici in attivit?, in pensione e medici pensionati richiamati in servizio o comunque attivi.

Arcuri: “Non dobbiamo avere fretta di riaprire. Senza la App la stretta non pu? essere allentata”

I numeri sono confortanti: per la prima volta ieri, “il numero di ventilatori ? pi? alto di quello dei ricoverati nelle terapie intensive”. A dirlo ? il commissario straordinario Domenico Arcuri, in conferenza stampa. Ma insiste sulla cautela: “Non dobbiamo abbandonare cautela e prudenza, il virus ? tra noi ma abbiamo imparato a contenerlo e i cittadini hanno imparato ad attrezzarsi a costo di molte vittime e a fronte della privazione di molte libert?. Il virus ? meno forte e pi? conosciuto, ma non ? stato sconfitto o allontanato”. Non bisogna, ha aggiunto, “prendere decisioni frettolose” in merito alle riaperture.

Coronavirus, Arcuri: “Il virus ? ancora tra noi, non ? sconfitto. Serve cautela per la Fase 2”