Aiuti alle famiglie, acconto 120 mln a Comuni

La Regione Sardegna ha trasferito ai Comuni parte delle risorse stanziate per le famiglie in difficolt? a causa dell’emergenza Covid-19. Si tratta di un primo acconto di 23,7 milioni di euro pari al 20% per i Comuni con popolazione inferiore ai 30mila abitanti e al 50% per quelli con popolazione uguale o superiore ai 30mila abitanti.

Il resto dei fondi – in totale 120 milioni di euro – saranno affidati solo dopo la comunicazione da parte dei Comuni del fabbisogno ancora da soddisfare. Potranno accedere al contributo da 800 euro per due mesi i disoccupati, i lavoratori dipendenti, gli autonomi, i lavoratori co.co.co, i titolari di Partita IVA la cui attivit? ? stata compromessa a causa della diffusione del virus. Per nuclei familiari superiori a tre unit? ? previsto un incremento di 100 euro per ogni componente. Sar? sufficiente fare domanda e l’indennit? sar? nei conti correnti entro 48 ore.

“A pochi giorni dall’approvazione della legge e delle delibere attuative per fronteggiare questa emergenza, passiamo alla fase operativa”, commenta il presidente della Regione sarda Christian Solinas. “Abbiamo previsto una procedura semplificata versando subito l’acconto alle amministrazioni comunali che ora sono in grado di pubblicare gli avvisi e fare i primi pagamenti – sottolinea l’assessore della Programmazione, Giuseppe Fasolino – la suddivisione tra i Comuni prende come riferimento iniziale i criteri di ripartizione del Reis, successivamente si proceder? ad aggiornare le somme dovute ai singoli Comuni sulla base dell’effettivo fabbisogno comunicato. Ma la certificazione delle economie del Reis potr? essere fatta anche successivamente all’avvio dei pagamenti”.   

COMUNI PRONTI A EROGAZIONI CELERI – E’ una corsa contro il tempo quella dei Comuni per dare subito risposte alle famiglie sarde con gli aiuti previsti dalla Regione e messi a disposizione gi? da oggi con una prima tranche dei 120 mln previsti. Per alcuni il conto alla rovescia ? gi? iniziato: ? il caso del Comune di Sant’Antioco, il primo in Sardegna a pubblicare l’avviso per presentare le domande a sportello.

In questo caso 800 mila euro disponibili da subito per una platea che – fa sapere il sindaco Ignazio Locci – potrebbe aggirarsi su 600 persone in difficolt? a causa dell’emergenza economico-sociale derivante dalla pandemia SARS-COV-2. Si tratta di 800 euro mensili per due mesi ai nuclei familiari, destinati anche ai titolari di partite IVA delle attivit? sospese a causa dell’emergenza e ai lavoratori precari. Per le famiglie con pi? di tre componenti ? prevista una somma aggiuntiva di 100 euro per ogni.

“I Comuni sono prontissimi a pagare fatte le opportune verifiche dei singoli casi – fa sapere il presidente dell’Anci Sardegna, Emiliano Deiana – probabilmente indicare tempistiche di pagamenti sul conto corrente dei beneficiari delle 48 ore ? quantomeno azzardato. So per? che le tempistiche saranno celeri”.

Secondo Deiana, in massima la maggior parte delle amministrazioni “pubblicher? l’avviso tra domani e venerd?, cio? entro le 48 ore stabilite dalla delibera della Giunta regionale. Stimiamo che potrebbe rimanere aperto almeno una decina di giorni durante i quali di Comuni avvieranno le istruttorie sulle istanze, una su tutte la verifica se il richiedente ? anche beneficiario dell’aiuto dato dall’Inps”. Il fabbisogno sar? poi trasmesso dai Comuni alla Regione