Coronavirus, il ?paziente 1? respira autonomamente: fuori da terapia intensiva

?? stato trasferito dalla terapia intensiva a quella sub intensiva? il manager 38enne dell?Unilever di Casalpusterlengo trovato, per primo, positivo al Covid-19. La moglie, incinta di 8 mesi, ? tornata a casa da qualche giorno

Sta meglio il ?paziente 1? del coronavirus in Italia,?Mattia, il manager 38enne dell?Unilever di Casalpusterlengo?trovato, per primo, positivo al Covid-19 all?ospedale di Codogno, nel Lodigiano. ?? stato trasferito dalla terapia intensiva a quella sub intensiva, al Policlinico San Matteo di Pavia in cui ? ricoverato. ? stato ?stubato?, in quanto ha iniziato a respirare autonomamente?. Lo ha reso noto l?assessore alla Sanit? della Regione Lombardia, Giulio Gallera. La moglie del ?paziente 1?, incinta di 8 mesi, ? tornata a casa, da qualche giorno, dopo essere stata ricoverata al Sacco di Milano.

Tutto ? cominciato il 20 febbraio, quando all?ospedale di Codogno, nel Lodigiano, il manager della Unilever ? arrivato in condizioni gravissime: aveva la febbre molto alta e la polmonite. Il tampone riveler? la drammatica realt?: ? cominciato l?assedio del Covid-19 in Lombardia. A fine giornata saranno 15 i contagiati, almeno 250 in quarantena, in attesa dei risultati del test e 50 mila abitanti di 10 paesi del Lodigiano in isolamento. Scuole e negozi chiusi, attivit? sportive sospese, persino cerimonie religiose bandite.

Da l? ? partita la macchina dell?emergenza, con il tentativo di ricostruire i contatti che la coppia aveva avuto prima del ricovero, per provare ad arginare il contagio: lui, dall?intensa vita sociale e sportiva, in particolare, era andato al pronto soccorso di Codogno gi? la domenica precedente. Stava male, aveva la febbre alta e i sintomi di una polmonite: i medici gli avevano prescritto una terapia antibiotica. A quanto pare, aveva preferito non farsi ricoverare. Ma poi la situazione era precipitata, l?uomo non riusciva a respirare, cos? era tornato in ospedale, questa volta insieme alla coniuge. ? stato allora che ai sanitari la coppia ha parlato di una cena, tra fine gennaio e l?inizio di febbraio, con un amico tornato dalla Cina (poi risultato negativo al tampone).